La nascita della Pranoterapia Consapevole
Pranopratica o Pranoterapia

La nascita della Pranoterapia Consapevole

Dopo 1 anno di corso di pranopratica, sotto l’ala del grandissimo tutor Sebastiano Vasile, e 10 anni di pratica da, più o meno, autodidatta posso dire che, allo stato attuale, il “mio” prana è principalmente uno strumento di connessione tra corpo- mente-spirito. Avendo ricevuto diversi feedback positivi ed ottenuto risultati sul piano della guarigione del corpo fisico sento però che riesco a dare il massimo quando riesco a sintonizzarmi, con il mio prana, con la coscienza della persona, riuscendo così ad interagire completamente con la persona, in modo olistico (Visione totale. Olismo dal greco ὅλος «tutto, intero, totale»), andando oltre l’Ego ed i blocchi, inconsci, installati nell’individuo. L’aspetto più importante, comunque, è la possibilità di essere al Servizio di una forza più grande di noi, un’energia che quando sono connesso fluisce attraverso di me e mi permette di dire e fare cose che il mio piccolo sé non potrebbe neanche inventare. In ogni caso, qualunque sarà l’evoluzione che il “mio” prana prenderà, la cosa più bella di tutte è che quando prano le persone mi sento nel posto giusto, Qui, e nel momento giusto, Ora ed ogni volta che finisco una sessione mi sento ricaricato.

ssss

Lascia un commento